Fabio Milella in concerto all’Alcatraz di Milano

Fabio Milella

Fabio MilellaVenerdì 25 gennaio, FABIO MILELLA e la sua band porteranno il cuore dell’Alcatraz di Milano (via Valtellina, 25) a battere al ritmo dei mitici anni ’80. Il live avrà inizio alle ore 23.30 e darà il via a “Notorius”, la storica serata del venerdì da passare tra musica live e Djs set, in perfetto stile anni ’80 e ’90 (ingresso ridotto con consumazione: 12 euro/uomo, 8 euro/donna. Ingresso con consumazione dopo le 24.00: 18 euro/uomo, 16 euro/donna). Per info http://www.alcatrazmilano.com/nuovo/index.asp.

 

FABIO MILELLA sul palco sarà accompagnato da CORRADO GUIDI (chitarra), MICHELE ZANNI (basso) e LUCA GIORDANO (batteria), per un una serata in stile revival … per tornare indietro agli anni in cui le spalline imbottite erano d’obbligo, i capelli erano cotonati e le spille sui giubbini immancabili, quando non c’era internet e per sapere le notizie bisognava aspettare il telegiornale …

 

L’artista pugliese presenterà alcuni brani del suo ultimo disco, “ElettrOttanta” (pubblicato l’anno scorso), in cui ha rivisitato in chiave elettronica grandi successi italiani degli anni ’80, da “Che fico” a “L’estate sta finendo (i due singoli che hanno lanciato l’album), ma in scaletta sono previste tante altre hit popolari e indimenticabili come “Non sono una signora”, “Cicale”, “Cacao meravigliao”, “La mia banda suona il rock”, “Luna”, Un’estate al mare”, La notte vola”, “Cuccurucucù”, Non voglio mica la luna”, Tanti auguri”, “Splendido splendente”, “Balla”, “Gelato al cioccolato”, “Amore disperato”, “Tropicana”, “Viva la mamma”, “Ballo ballo”, “Mamma Maria”, “Gloria”, “Maledetta primavera”, “Maracaibo”, “Sarà perché ti amo”, “Gianna”,  “Ricominciamo”…

 

«Ho pensato ad un live da cantare e da ballare con tutte le canzoni più famose degli anni ‘80 – racconta Fabio Milella – dal vivo, rispetto al disco, il sound è decisamente più rock. È divertente cantare, suonando la mia keytar, supportato da una band. Il risultato è un mix magico tra l’elettronica degli anni ‘80 e il rock moderno».