Alziamo il sipario sul Festival di Sanremo 2013

Sanremo_Festival_2013

Allegria, divertimento e tradizione: sono questi gli ingredienti del Festival di Sanremo 2013 targato Fabio Fazio. Il conduttore della kermesse, affiancato da ‘Lady Sanremo’ Luciana Littizzetto, ha raccontato questa mattina il suo festival svelando nomi e curiosità della 63ma edizione.

Dopo il tradizionale scatto di foto davanti all’ingresso del Casinò, i protagonisti della manifestazione hanno incontrato i media all’interno del Teatro dell’Opera. Uno staff al completo con gli organizzatori, il presidente di Rai Uno Giancarlo Leone, il direttore musicale Mauro Paganie per l’amministrazione comunale il sindaco Maurizio Zoccarato.

Per me è un rientro festoso, manco da 13 anni – ha affermato in apertura Fabio Fazio – è un ritorno a casa importante anche su Rai Uno. Sarà per me una settimana di vacanza in cui cercheremo di essere allegri, divertenti nel rispetto di una trasmissione importante, il Festival bisogna farlo volendogli bene”.

Confermate le novità di questa nuova edizione: a partire dal fatto che ogni big presenterà in gara due canzoni ma solo una arriverà in finale. Confermata anche la presenza femminile: saliranno sul palco dell’Ariston le due bellezze  Bianca Balti Bar Rafaeli. Ma il festival vuole essere anche uno show costruito intorno alle canzoni e ai protagonisti che hanno scritto la storia della manifestazione. Questa edizione vedrà infatti anche la partecipazione diToto Cutugno, i Ricchi e Poveri e Al Bano. Ci sarà inoltre una serata dedicata alla storia della kermesse, venerdì,  dal titolo ‘Sanremo Story‘ durante la quale i 14 big canteranno una canzone del passato. Spazio poi agli otto giovani in gara, il cui vincitore sarà proclamato venerdì.

“Abbiamo fatto del nostro meglio per scegliere il pezzo che ci piaceva di più. Siccome i posti disponibili erano 14 e tante le proposte è normale che molti cantanti non vengano scelti ma sono contento del fatto che parecchia gente che desiderava partecipare sia riuscita a trovare posto – ha aggiunto il direttore musicale Mauro Pagani, sull’aspetto qualitativo di questa edizione – Più le sento queste canzoni e più le ascolto e sono felice e fiero di aver partecipato alla composizione di questo cast. La scelta di due pezzi è stata importante anche se ha reso il nostro lavoro complicato. Siamo a circa 70 pezzi totali che saranno eseguiti e questo rappresenta un lavoro enorme. Considerando che i tempi di prova sono gli stessi dell’anno scorso ma con il doppio dei pezzi”.

La gara è al centro di questo Festival – ha aggiunto Fabio Fazio – i big avranno modo di esibirsi in modo completo. E’ un festival molto Rai e autoprodotto. In coincidenza con il centenario di Verdi ci saranno tre momenti di connessione tra musica d’arte e musica popolare. La tradizione sarà un altro momento che attraverserà il Festival nelle cinque serate. Racconteremo l’affetto che gravita intorno a questa manifestazione”.

Tanti i nomi degli ospiti annunciati durante la conferenza stampa: dal musicistaDaniel Barenboin al direttore d’orchestra Daniel Harding, da Carla Bruni adAndrea Bocelli fino altri volti noti anche esterni al mondo della musica comeRoberto BaggioBeppe FiorelloClaudio Bisio e Neri Marcorè. Ogni sera inoltre, proclamatori, ovvero altri personaggi noti, annunceranno i brani che andranno in finale. La prima puntata del Festival sarà anche occasione per ricordare l’artista Lucio Dalla attraverso le parole e il ricordo di Marco Alemanno.

Quello che andrà in onda dal 12 al 16 febbraio sarà quindi un mix di musica, arte e spettacolo cifra del modo di fare televisione di Fabio Fazio. “La tv generalista ha il compito di cercare, pur parlando a maggior numero di persone, di caricare anche contenuti apparentemente distanti. Luciana è popolare e ci consente di fare anche questo” ha detto infine Fazio.

FONTE SANREMONEWS