AREZZO WAVE 2013 LANCIA LA CAMPAGNA DI FINANZIAMENTO SU MUSICRAISER

Musicraiser

2 mesi di tempo e un obiettivo di 10.000€ da raggiungere.
In palio tanti vantaggi per chi vuole sostenere questa avventura.
Unitevi ad Arezzo Wave 2013 per creare qualcosa di speciale!

Peace, love and music Arezzo Wave Love festival

Dal 12 al 14 luglio –  Albergo (Civitella Valdichiana) – Arezzo

Guarda il teaser di presentazione del festival e della campagna

Giunto alla sua 27° edizione, il festival italiano più conosciuto all’estero, più longevo in Italia e più amato dai giovani si terrà dal 12 al 14 luglio, in provincia di Arezzo, allontanandosi dalle classiche location cittadine, a cui tutti siamo abituati e affezionati.

Dopo 20 anni di glorioso Arezzo Wave, costretto a peregrinare in altre città con il nome Italia Wave (prima a Firenze, poi per tre volte Livorno, fino a toccare il tacco del nostro Paese, Lecce), nel 2012 finalmente torna nella città dove tutto ebbe inizio: Arezzo!

Le forze avverse dell’amministrazione comunale, che già lo fece allontanare a suo tempo, per questioni tutt’oggi ai più -noi compresi- ignare, non solo non accoglie a braccia aperte il suo ritorno, ma nel 2013 lo obbliga ad andar via dal territorio comunale.

Arezzo Wave resiste, nonostante le difficoltà, nonostante che molti dei più importanti festival estivi abbiano deciso di saltare quest’estate: resiste nonostante un’amministrazione comunale che stupidamente non lo vuole. Lo facciamo per la musica, per i giovani, per tutti i nostri music lovers che ci seguono da sempre.

PERCHE’ SOSTENERE AREZZO WAVE
Arezzo Wave Love Festival dal 1987 regala musica, emozioni ed opportunità. Nel 2012 è stato un successo, con 40.000 spettatori con un costo di ingresso ridotto rispetto al trend nazionale e internazionale. Il momento di crisi generale e le difficoltà con l’amministrazione locale non ci sono d’aiuto, ma Arezzo Wave Love Festival non demorde e anche quest’anno ci sarà. Nonostante le difficoltà andiamo avanti, ma lo facciamo anche grazie all’aiuto della gente che ama il festival e la musica di qualità. “Chic and cheap” sarà il nostro motto: un’edizione ridotta rispetto al passato, ma ugualmente viva per il suo carattere innovativo e di qualità. Gli artisti saranno sempre di ottimo livello, italiani che escono dal nostro concorso che è il principale in Italia per seguito, numero di iscritti e risultati, ospiti italiani conosciuti e guest internazionali scelti nell’ottica di proporre artisti di qualità non ancora conosciuti in Italia ma presenti nei più importanti appuntamenti europei.
Con il vostro supporto potremo dare ancora più valore all’evento, e dimostrare che non tutto deve morire: insieme per la musica, per i giovani artisti, per chi vuole vivere emozioni attraverso le vibrazioni di un accordo.

AREZZO WAVE – LA STORIA
Nato nel 1987, nessun altro festival in Italia ha un tale pubblico, un programma internazionale così vasto (più di 100 spettacoli da tutti i continenti tra concerti, dibattiti, esibizioni, workshop e performances di vario genere), una tale quantità di palchi e servizi. Presentando negli anni più di 1900 concerti, il festival ha unito l’Italia alla scena musicale internazionale, ospitando nomi come Placebo, Kraftwerk, Chemical Brothers, Elisa, Elio e Le Storie Tese, Gianna Nannini, Jovanotti, Daniele Silvestri, Faithless, Ben Harper, Nick Cave, Moby, Mika, Miriam Makeba, Youssou N’dour, David Byrne, Sonic Youth, Sinead O’Connors, Aphex Twin, Cypress Hill, Dave Matthews Band, Groove Armada, Living Colors, Editors, Subsonica, Vinicio Capossela, Lou Reed, Paolo Nutini, Caparezza, Nina Zilli, Malika Ayane, Yann Tiersen, Crookers…….e molti, moltissimi altri! Non solo musica ma anche fumetti, letteratura, teatro, cinema, arti visive e tecnologia hanno parlato un linguaggio moderno in grado di sostenere, promuovere e valorizzare la diversità culturale.
Il festival tuttavia è soltanto un punto di arrivo di un lavoro che dura tutto l’anno, e che come base e punto di forza ha una rete, chiamata Arezzo Wave Network diffusa su tutto il territorio nazionale con oltre 200 strutture provinciali e regionali, che ricerca ogni anno le migliori band emergenti italiane, selezionandole, ascoltandole, vedendole esibirsi dal vivo e portandole sui palchi del festival e non solo: New York, Austin, Parigi, Groningen, Londra, Sud Africa sono solo alcuni dei luoghi in cui Arezzo Wave è stato presente. Arezzo Wave Band è il concorso gratuito più apprezzato e più credibile e con i maggiori risultati in tutta Italia e ad oggi ha coinvolto ben 35.538 band. Cerchiamo di realizzare il sogno di tanti giovani che vorrebbero affermarsi nel panorama musicale, e alcuni di questi sono stati: Negrita, Ministri, Pan del Diavolo, Waines, Honeybird and the birdies, Afterhours, Mau Mau, Quintorigo, Almamegretta, Marlene Kuntz e tanti altri.

MUSICRAISER, where fans are music! – IL PROGETTO

Sulla scia del successo di siti di raccolta fondi per progetti creativi (crowdfunding) come Kickstarter e Indiegogo in U.S.A, è nato a Milano MUSICRAISER, prima piattaforma del genere in Italia e una delle prime in Europa esclusivamente focalizzata su raccolta fondi per progetti musicali.
Con MUSICRAISER è possibile dar vita a una importante campagna promozionale gratuita e nello stesso tempo trovare il denaro che occorre per realizzare il proprio progetto musicale.
“Faber est suae quisque fortunae” (“Ciascuno è artefice della propria sorte”) diceva lo storico Sallustio quasi duemila anni fa. Traslato ai nostri giorni, in tempi di crisi bisogna affidarsi alla creatività e cercare nuove forme di reperimento di risorse per realizzare i propri progetti professionali. In maniera autonoma. Con MUSICRAISER musicisti, dj, videomaker, club, oggi hanno una nuova opportunità grazie ad una piattaforma agile e chiara che mette in contatto chi propone il progetto con chi lo vuole finanziare. Uno degli scopi principali del sito è quella infatti di favorire la cultura musicale attraverso l’autoproduzione sostenuta dai fans e fornire uno strumento valido che porti gli artisti a vedere realizzate le proprie idee.
MUSICRAISER permette di proporre il progetto musicale alla propria comunità di fans, amici e followers al fine di coinvolgerli alla sua realizzazione attraverso un piccolo contributo economico, in cambio di ricompense esclusive ideate appositamente per loro che possono ad esempio essere: il nuovo album autografato, assistere a un concerto dell’artista dal backstage, il nome del fan nei credits del disco etc.
Ogni creatore di progetti ideerà le ricompense in assoluta libertà creativa.
Sei un artista e ti servono fondi o parte di essi per realizzare il prossimo disco, il videoclip, promozione oppure un tour? Hai un locale e vorresti invitare a suonare una band che però ha un cachet troppo elevato? Sei un regista e vorresti realizzare un documentario musicale o un videoclip? MUSICRAISER mette nelle condizioni di fare tutto questo, dando la possibilità di presentare un progetto. La fase della creazione on line è supportata da una chiara guida con esempi e consigli; una volta ultimato sarà sottoposto a selezione da parte del personale di MUSICRAISER che valuterà se il progetto ha i requisiti di qualità e congruità richiesti. A ogni progetto verrà assegnato un tutor sempre a disposizione per chiarimenti e suggerimenti.
Una volta accettato viene definito dal proponente la durata, il budget di cui ha bisogno, l’elenco delle ricompense con il loro prezzo ed inizia la promozione vera e propria, sia attraverso un blog, residente sul sito di MUSICRAISER, sia con l’integrazione per mezzo di un widget che consentirà di replicare la pagina-progetto, nei principali social network, come Facebook e Twitter; una platea potenzialmente sconfinata.
Più sarà efficace la comunicazione fra il proponente ed i suoi fans, più la proposta avrà possibilità di riuscita. Il proponente ha la possibilità di caricare un video per presentare se stesso e la sua idea, stabilire un contatto con chi è interessato ad investire nella sua idea.
Il servizio di raccolta fondi prevedera’ una commissione del 10% – che comprende oneri di transazione e imposte – solo nel caso di raggiungimento o superamento dell’obiettivo di raccolta.
Se quest’ultima termina senza il raggiungimento dell’obiettivo, il proponente non riceverà nulla, MUSICRAISER non guadagnerà nulla e coloro che avranno impegnato i propri soldi per le ricompense verranno rimborsati da MUSICRAISER senza costi aggiuntivi.
I fans potranno partecipare alla raccolta fondi tramite carta di credito anche prepagata come Postepay, Paypal, o bonifico bancario .
Gli artisti che decideranno di avviare un progetto su MUSICRAISER non avranno vincoli contrattuali dal punto di vista discografico, né di generi musicali, mantenendo il 100% dei propri diritti di autore e di edizione.
Il sito è on line dal 23 ottobre in lingua italiana, inglese, tedesca.
Ma non finisce qui. MUSICRAISER sara’ in grado di offrire consulenza gratuita a 360° in campo musicale consigliando agli artisti che ne avranno bisogno le soluzioni più idonee alle loro esigenze e si occuperà anche di mettere in contatto gli artisti con case discografiche, agenzie di booking, uffici stampa e altri operatori del settore.
MUSICRAISER dispone anche di decine di talent scout che collaborano a distanza con il sito che hanno il compito di scoprire gli artisti più interessanti ed invitare loro a creare un progetto sulla piattaforma.
I fondatori di MUSICRAISER sono GIOVANNI GULINO (cantante e autore di Marta Sui Tubi) e TANIA VARUNI ( dj producer e fondatrice di Secret Concerts).

COSA E’ IL CROWDFUNDING
Nel nostro paese si è cominciato a parlare seriamente di cosa fosse il crowdfunding quando Barack Obama raccolse con questo metodo una considerevole fetta del denaro occorrente per la sua Campagna elettorale, che lo portò a vincere le elezioni statunitensi quattro anni fa, o quando il Louvre chiese di sostenere il progetto di acquisto (riuscito) del quadro Le tre Grazie di Cranach; ancora quando il blog di Beppe Grillo ne organizzò uno per comprare un microscopio elettronico per un ricercatore in difficoltà.
Il Crowdfunding (Crowd=Folla; Funding= Finanziamento) è un finanziamento di un progetto dal basso, cioè realizzato con il sostegno di donazioni in cambio di ricompense esclusive, che hanno per oggetto il bene promosso nel progetto stesso, che sono direttamente proporzionali alla cospicuità della donazione.
Le ricompense possono consistere in qualunque articolo o servizio fisico o digitale esclusivo creato appositamente per i sostenitori che vorranno vedere realizzato il progetto.
Nel caso strettamente musicale potranno essere downloads digitali, il cd autografato, ingressi ai concerti dell’artista, il nome del fan nei ringraziamenti del disco, un concerto a casa o in un locale, un pass per il backstage, o qualsiasi cosa l’immaginazione possa suggerire e che abbia che fare con il progetto.

http://www.MUSICRAISER.com
http://www.facebook.com/MUSICRAISER
https://twitter.com/MUSICRAISER