Due nuove date estive per il GENESIS REVISITED TOUR di STEVE HACKETT

Steve Hacket

Si aggiungono nuovi appuntamenti estivi per il GENESIS REVISITED WORLD TOUR, dove il leggendario chitarrista dei Genesis STEVE HACKETT, ripropone i brani composti insieme alla band nel periodo d’oro  1971-77 e usciti su disco nel 2012 con “Genesis Revisted II” (Emi/Inside Out).  L’imminente tour primaverile italiano ha registrato una cascata di sold outsa testimonianza di un affetto che lega il pubblico italiano alla band e ai suoi musicisti e che ha spinto l’artista a voler tornare in Italia per nuovi appuntamenti a luglio, il 21 luglio nella cornice spettacolare del Teatro Romano di Verona e il 22 luglio nell’arena estiva del GruVillage di Grugliasco/Torino.

 

Per chi non volesse attendere l’estate per vedere il nuovo spettacolo – una produzione complessa dove alla musica si affiancano performance di luci e filmati  – ricordiamo che vi sono    ancora disponibili biglietti per il Teatro della Luna di Assago/Milano, il prossimo 23 aprile, appuntamento speciale dove la performance di Hackett sarà arricchita dalla presenza speciale di un altro ex Genesis, Ray Wilson.

 

E’ la prima volta che uno dei membri originali porta in tour il repertorio Genesis della Golden Age della band, dal 1971 al 1977, re-interpretando in maniera fedele allo spirito originale, i brani composti insieme alla band -come i classici Supper’s Ready, Dancing with the Moonlit Knight, The Lamia, Blood on the Rooftops e The Musical Box – e alcuni brani pubblicati in album solisti ma legati indissolubilmente all’esperienza Genesis, come Shadow of the Hierophant composto con Mike Rutherford, oltre agli immancabili dal vivo come  Firth of FifthWatcher of thSkie.

 

Il tour sta registrando un successo ampio in Europa, America e Giappone con innumerevoli teatri esauriti (e appuntamenti prestigiosi come quello alla Royal Albert Hall di Londra) e riscontri entusiastici,  confermando il gradimento dell’album GENESIS REVISITED II che continua a scalare le classifiche.

Sia nell’album che nei live il viaggio di Hackett nel repertorio della sua prima band è stato accompagnato dalla presenza di special guests illustri quali Steve Wilson (Porcupine Tree), John Wetton (Asia) Steve Rothery ( Marillion), Roine Stolt ( Flower Kings e Translatlantic),  l’ex Genesis Ray Wilson: musicisti che hanno voluto testimoniare la loro passione per brani entrati nella storia della musica rock del ventesimo secolo e nel cuore di generazioni di appassionati.  

 

Ad accompagnare Hackett stabilmente da diversi anni una band di musicisti di altissimo livello: Roger King (tastiere), Rob Townsend (sax), Lee Pomeroy (basso), Gary O’Toole (batteria) e Nad Sylvan (Agents of Mercy) come lead vocal in diversi brani. 

 

Più di due ore e mezza di spettacolo imperdibile. Non solo un concerto, ma un omaggio e un appuntamento con la storia della musica. Per chi è stato un fan dei Genesis e per tutti gli appassionati di musica, questo è un ‘must see’.